All’ospedale di Torregalli un nuovo servizio dedicato ai disturbi della deglutizione e del linguaggio

28 Ottobre 20203min116
logopedia

È partito in via definitiva, all’ospedale San Giovanni di Dio di Torregalli, il servizio di foniatria e logopedia – per difficoltà di linguaggio nei pazienti acuti – unitamente a quello per i disturbi della deglutizione (disfagia).

L’attività si articola prevalentemente su due livelli: consulenze e valutazioni in reparto ospedaliero e consulenze e valutazioni ambulatoriali per l’inquadramento del caso clinico anche post dimissioni.

L’iniziativa è stata possibile grazie all’esperienza di professionisti che da anni lavorano nell’analogo servizio dell’ospedale San Giuseppe di Empoli e all’acquisizione di nuove risorse.

Per l’ambulatorio, l’attività è di due tipi: 1) multidisciplinare (il venerdì mattina) con la presenza della logopedista e del foniatra e 2) dedicata per i follow-up (visite di controllo periodiche per seguire il decorso di una malattia e verificare l’efficacia delle terapie), e per i pazienti esterni che sono già in trattamento presso altre strutture territoriali aziendali.

Nell’attività multidisciplinare logopedista e foniatra collaborano all’inquadramento deglutologico dei pazienti, alla valutazione del caso clinico e delle strategie più adeguate e funzionali da adottare (consistenza degli alimenti, posture, manovre di compenso, utilizzo di lubrificanti, alimenti vietati).

Nel follow-up, invece, viene svolto il monitoraggio dei pazienti valutati durante la degenza ospedaliera e che necessitano di una nuova valutazione postdimissione o di ausili comunicativi. Vengono fatte anche valutazioni della deglutizione di pazienti che accedono al servizio dall’esterno perché già in trattamento presso altre strutture territoriali o già disfagici.

Le prenotazioni per le consulenze follow up e rete territoriale si attivano tramite l’indirizzo email logopedia.sgd@uslcentro.toscana.it.

Venendo all’attività in reparto, il gruppo di professionisti collabora principalmente con l’area “stroke” (danno cerebrale) per la valutazione della disfagia e del linguaggio dei pazienti affetti da esiti di recente ischemia o emorragia cerebrale ma anche con la Neurologia, le Medicine Interne, i reparti chirurgici e il Pronto Soccorso per indicazioni e consegne al personale di reparto, counselling e addestramento caregiver, follow up.


Iscriviti alla Newsletter