AMICI A 4 ZAMPE – Gravidanza e toxoplasmosi: alcune precisazioni

22 Dicembre 20201min73
Toxoplasmosi

E’ vero che il toxoplasma è un importante agente abortigeno, ma tutte le raccomandazioni basate su evidenze scientifiche prevedono che la donna in stato interessante, se sieronegativa per toxoplasmosi, possa tenere in casa sicuramente i cani (che non la trasmettono) ma anche i gatti e gli altri animali da compagnia. Nel caso del gatto è necessario adottare alcune semplici precauzioni igieniche:
1) evitare di pulire la lettiera
2) alimentare il gatto con mangimi commerciali
3) evitare la predazione di topi o uccelli
4) evitare adottare nuovi cuccioli specie se randagi durante tutta la gravidanza.

Ricordare che ci sono altre modalità di trasmissione legate all’ingestione di cibi o bevande contaminate. Si raccomanda di lavare frutta e verdura anche solo con acqua corrente, fare molta attenzione agli insaccati freschi e alle carni poco cotte si suini e ovini.

A cura del dott. David Calzolai, medico veterinario.


Iscriviti alla Newsletter