Bracconaggio, a Chiesanuova cinghiale scarnificato e abbandonato

6 Luglio 20201min405
Bracconaggio

Nei giorni scorsi, lungo il sentiero CAI 730 nelle vicinanze del lago di Chiesanuova (Scandicci), è stata rinvenuta la carcassa di un cinghiale spellato a cui è stata prelevata la carne prima di abbandonare i resti.

Le guardie zoofile dell’Ente nazionale protezione animali attribuiscono l’episodio a un atto di bracconaggio. Si tratta a tutti gli effetti di un reato, in quanto gli abbattimenti autorizzati dalla Regione di questo tipo di animali sono soggetti a regole, orari e modalità ben precisi, riservati agli enti competenti.

Peraltro un doppio reato, a ben vedere: è infatti vietato lasciare materiale organico, soggetto quindi a putrefazione, su suolo pubblico, tanto che si è dovuta occupare una squadra di Alia della rimozione dei resti.


Iscriviti alla Newsletter