Attualità Archivi | Inscandicci

23 Marzo 2019
Screenshot_2019-03-23-19-08-13-106_com.android.browser.jpg?fit=1062%2C1360&ssl=1

Apertura straordinaria in anteprima  per il campo di narcisi nel parco Ex Cnr domani, domenica 24 marzo alle 11, nell’ambito del progetto Wander and Pick (ingresso da via Galilei). L’apertura riguarda solo la parte di terreno dedicata ai fiori di narciso, ed è stata decisa dagli organizzatori e dal Comune di Scandicci a seguito dei pareri degli agronomi, in considerazione della fase avanzata di fioritura di questa specie floreale. Il campo resterà visitabile tutti i giorni della prossima settimana in orario 10-19. Resta confermata sabato 30 marzo alle 10,30 l’inaugurazione dell’intero campo fiorito, che riunisce 300 mila fiori tra narcisi e tulipani

22 Marzo 2019
Comitato-antifascista-Scandicci.jpg?fit=592%2C426&ssl=1

La Sezione ANPI “Sergio Fallani” e il  Comitato Antifascista di Scandicci,” condannano la vile offesa e intimidazione portata avanti dai fascisti nei confronti della sede ANPI di Prato e del PD”. Un episodio, secondo ANPI e Comitato, legato indubbiamente a quanto è in programma domani, sabato 23 marzo, a Prato: il corteo nazionale di Forza Nuova che intende “celebrare” il centenario della nascita dei fasci italiani di combattimento, da cui due anni dopo sorse il Partito Fascista.

Proprio per dire ancora una volta “no” al fascismo ed a ogni  razzismo, fanno sapere i responsabili delle realtà antifasciste scandiccesi – «domani saremo a manifestare, con  tutti  i democratici e antifascisti, in piazza delle Carceri a Prato dalle 15 in poi».

7 Marzo 2019
FB_IMG_1551982514942.jpg?fit=960%2C720&ssl=1

Ecco come si presenta adesso la facciata del PalaRialdoli di Scandicci dopo l’inaugurazione del murale di Skim per l’iniziativa #unmuroperSofia.
“Rari, non invisibili!” è il motto di questa campagna organizzata dall’associazione Voa Voa Onlus – Amici di Sofia.

 

7 Febbraio 2019
Securtal.jpg?fit=484%2C240&ssl=1

Già diverse segnalazioni fatte da residenti a Scandicci e in zone limitrofe fanno riferimento a individui che, “con fare arrogante”, si presentano alla porta qualificandosi come addetti alla vigilanza privata.

Questi soggetti, però, non esibiscono, su richiesta, alcun documento di riconoscimento e, elemento ancor più preoccupante, non indossano neanche una divisa.

Nella maggior parte dei casi dicono di appartenere a Sicuritalia (azienda effettivamente presente sul territorio), ma intanto, a scanso di equivoci, un’altra nota realtà del settore, la scandiccese Securtal, tiene a precisare che i propri addetti sono facilmente riconoscibili, sia tramite la spontanea esibizione del tesserino, sia per la procedura a termini di legge seguita ogni volta sia necessario presentarsi presso un domicilio.

6 Febbraio 2019
Screenshot_2019-02-06-19-05-56-747_com.android.chrome.jpg?fit=1200%2C725&ssl=1

Con il Łodz la Savino ha davvero chiuso la pratica.

Dopo la vittoria piena per  3-0 delle scandiccesi nella gara d’andata, ieri Parisi e C. hanno replicato il punteggio finale con 21-25, 22-25, 17-25.

Dopo la delusione dell’eliminazione dalla Final Four di Coppa Italia arrivata nel week-end appena concluso, il 6+1 classico ha ritrovato lo smalto delle occasioni migliori:  Malinov al palleggio, Haak come opposto, Adenizia e Stevanovic da centrali, Bosetti e Vasileva in banda, con Merlo da libero.

Eloquenti le parole di Carlo Parisi nel post partita“Non è stato facile per noi ripartire dopo la delusione di Coppa Italia che si è fatta sentire. Come avevo detto sabato è stato un bene giocare nuovamente a stretto giro per evitare di portarsi dietro le scorie della sconfitta. L’infortunio della loro palleggiatrice titolare ci ha avvantaggiato. Nell’arco dei tre set si è visto che in alcuni casi abbiamo abbassato un po’ la tensione nel nostro campo, quando ci siamo accorti che potevamo gestire l’incontro. Questi sono errori che rischi di pagare a caro prezzo. Dobbiamo essere soddisfatti perchè manteniamo aperta la lotta nel nostro gruppo”.

6 Febbraio 2019
Variabile.jpg?fit=1157%2C680&ssl=1

L’Associazione Astrofili Fiorentini (AAF), a dispetto del nome, è scandiccese a tutti gli effetti – ne parlammo ampiamente nel nostro mensile in estate – e non cessa di ottenere prestigiosi risultati.

Un gruppo composto da Nico Montigiani e Massimiliano Mannucci (soci cardine dell’AAF) e Matteo Santangelo (dell’Osservatorio Astronomico di Capannori, LU) lo scorso 31 gennaio ha pubblicato la scoperta di una nuova stella variabile, cioè una stella la cui luminosità varia nel tempo.

L’identificazione del corpo celeste e i relativi dati sono stati ottenuti da Montigiani e Mannucci tramite il telescopio da 35 cm dell’Osservatorio Astronomico Margherita Hack (attivato in sostituzione di quello di Mosciano), mentre le ricerche bibliografiche, l’analisi statistica dei dati e la scrittura della pubblicazione sono state fatte in larga maggioranza da Santangelo.

La scoperta è stata pubblicata – in inglese – su un bollettino professionale internazionale online, denominato “The Astronomer’s Telegram – ATel” sul numero 12458 del 31 gennaio, fruibile gratuitamente da chiunque sul sito: http://www.astronomerstelegram.org/?read=12458

La stella in questione si trova nella costellazione dei Gemelli ed era già stata catalogata da alcuni astronomi in passato, ma nessuno si era mai accorto che la sua luminosità variava nel corso del tempo, e men che mai ne aveva determinato il periodo. Peraltro è risultata essere una variabile pulsante che pulsa con ben tre periodi  contemporaneamente: oltre alla periodicità principale di circa 1 ora e 42 minuti, ve ne sono altre due, una di circa 1 ora e 18 minuti e un’altra di circa 1 ora e 49 minuti.

È come se la stella “respirasse”, ma in modo molto irregolare, a causa della combinazione di più “respiri” contemporanei.

4 Febbraio 2019
Leroy-Merlin.jpg?fit=503%2C219&ssl=1

Qui di seguito l’intervista al portavoce del comitato “Area Lupi di Toscana”, Gianfranco Angeli, che spiega perché ritiene che il centro commerciale della Leroy Merlin a San Giusto sarà quasi certamente costruito.

Angeli anticipa anche alcuni motivi di contrarietà al progetto che ha vinto il concorso d’idee per riqualificare l’ex caserma; una disamina approfondita sul tema la potete ascoltare, del resto, nel prossimo video.

di Luca Campostrini

1 Febbraio 2019
Servizio-sostitutivo-tramvia.jpg?fit=1200%2C1200&ssl=1

CasaPound, per bocca del suo candidato a sindaco di Firenze Saverio Di Giulio, definisce la tramvia “un tremendo fallimento” e questo duro j’accuse prende spunto dal maltempo dei giorni scorsi, che ieri mattina ha costretto a interrompere il servizio pubblico a Scandicci – fra le fermate di Arcipressi e Villa Costanza – per tre ore fino alle 9:30 circa, per problemi alle linee aeree di alimentazione.

Una ghiotta occasione, per l’estrema destra del territorio, per criticare il Pd a inizio di campagna elettorale per le amministrative.

«Il blocco del servizio evidenzia nuovamente un altro dei problemi causati dall’aver puntato sulla tramvia e non su una metropolitana – ha tuonato l’esponente neofascista -: non stiamo parlando della nevicata del gennaio 1985, quando su Firenze caddero alcuni decimetri di neve e si toccarono temperature che andavano oltre i meno venti. Stiamo parlando di una mattinata in cui la temperatura è calata di un paio di gradi sotto lo zero. Un mezzo di trasporto pubblico, moderno ed efficiente, dovrebbe garantire il servizio proprio in questi casi. Invece questo tram, ormai obsoleto, presenta gli stessi problemi del trasporto su gomma in caso di intemperie. Trasporto su gomma che, paradossalmente, ha viaggiato dovendo assorbire anche l’utenza della tramvia. Il tutto al costo di realizzazione di quasi 40 milioni di euro al km».

Di Giulio ha aggiunto che il suo movimento continuerà a contrastare la realizzazione delle ulteriori linee di tramvia, per puntare invece su linee di metropolitana.

1 Febbraio 2019
Screenshot_2019-02-01-17-27-22-953_com.miui_.gallery-1.jpg?fit=1062%2C1370&ssl=1

Domani, sabato 2 febbraio alle 16.30 alla biblioteca di Scandicci, sarà presentato il progetto Cooperatività, rivolto alle persone con Alzheimer o altre forme di demenza senile.

Un incontro mirato a far conoscere alle famiglie che si prendono cura di queste persone che esistono attività, gratuite, a cui poter partecipare le quali, nei limiti del possibile, possono contribuire ad alleviare l’impegno – enorme – che grava su chi ha un proprio caro vittima di tali patologie.

Il progetto è ideato dall’Opera di Santa Maria del Fiore.

29 Gennaio 2019
Valentina-Lodovini.jpg?fit=252%2C375&ssl=1

Torna – domani mercoledì 30 gennaio alle 21:15 al teatro Aurora di Scandicci – Auroradisera col secondo spettacolo in cartellone per questa edizione.

Valentina Lodovini, versatile attrice (vincitrice, tra l’altro, di un David di Donatello nel 2011 per Benvenuti al Sud), si presenta in un testo di Dario Fo e Franca Rame, Tutta casa, letto e chiesa. Testo ironico e sferzante, scritto nel 1977 a quattro mani dal premio Nobel con la moglie, messo in scena in oltre trenta paesi. È un affresco sulla condizione femminile – in particolare sulla condizione sessuale – che propone quattro donne, di condizioni diverse, ma sempre sfruttate.

Un testo con cui si ride molto, ma alla fine resta addosso una grande amarezza, in quanto il protagonista assoluto è l’uomo con i suoi soprusi – magari anche solo concettuali – sessuali. L’uomo che incombe e schiaccia le donne che da anni si battono per l’emancipazione, chiedendo parità di diritti, parità sociali e parità di sesso, appunto. Le protagoniste femminili sono ad esempio una casalinga che ha tutto all’interno della sua famiglia, meno la cosa più importante: la considerazione; un’operaia sfruttata tre volte, ossia in casa come donna tuttofare, in fabbrica come operaia e a letto come oggetto di piacere. E anche una “Alice nel paese senza meraviglie”.

Ricordiamo che quest’anno, fra le novità mirate a consentire a una platea sempre più vasta di appassionati di poter assistere agli spettacoli, per gli universitari possessori della Carta dello studente è riservato un prezzo speciale di 8 euro fino a 30 anni d’età.

Teatro Aurora: via San Bartolo in Tuto, 1 – Scandicci


Chi siamo

Lo Studio Grafico Image dopo aver acquisito “IN SCANDICCI”, ha voluto dare la sua impronta rivoluzionando il giornale che si presenterà con una veste grafica completamente rivisitata, oltre a voler rinfrescare l’immagine e inserire maggiori contenuti all’interno del sito web coordinato. Inoltre sarà sviluppato su 16 pagine sempre in formato tabloid e suddiviso in categorie d’interesse riconoscibili dal colore che si abbinerà all’argomento trattato. I temi saranno numerosi e vari, chiaramente incentrati per la maggior parte sul territorio di Scandicci e dintorni.


CONTATTACI



Iscriviti alla Newsletter


© Copyright by Stampadaimage 2017. All rights reserved.