Città Archivi | Inscandicci

23 Marzo 2019
Wi-fi-biblioteca.png?fit=750%2C505&ssl=1

Oggi, sabato 23 marzo, nell’ambito dei festeggiamenti per il decimo anniversario della biblioteca comunale di via Roma 38/a, è stato inaugurato l’accesso al WiFi gratuito e senza limite di connessione.

FirenzeWiFi-Biblioteca-Scandicci è il nuovo nome della rete potenziata accessibile nella Biblioteca di Scandicci, grazie all’accordo firmato lo scorso gennaio tra i comuni di Firenze e Scandicci per l’innovazione tecnologica, in particolar modo per il potenziamento del wifi pubblico in città e per l’utilizzo delle app già attive nel territorio del capoluogo.

20 Marzo 2019
Via-della-Pieve.jpg?fit=1200%2C675&ssl=1

È giunto a conclusione l’iter che, dalla posa della prima pietra, ha assegnato in modo definitivo i quaranta alloggi di Edilizia Residenziale Sociale di via della Pieve.

La graduatoria è consultabile a questo link  La graduatoria definitiva, e i partecipanti possono verificare la propria posizione tramite il numero di protocollo alla domanda di partecipazione al bando. Oppure nella sezione Bacheca del sito web del Comune www.comune.scandicci.fi.it o direttamente al Punto Comune.

Ricordiamo che rispetto alle 221 domande pervenute, nella graduatoria definitiva ne risultano ammesse 109, di cui 64 di giovani coppie. Sono risultati ammessi 95 cittadini italiani, due cittadini stranieri di paesi Ue e 12 stranieri di paesi extra Ue.

Gli appartamenti rientrano in un intervento edilizio in un complesso pensato secondo i principi dell’housing sociale; le giovani coppie, oltre ad essere inserite nella graduatoria generale permanente, saranno collocate d’ufficio in una graduatoria speciale con il medesimo punteggio ottenuto nella graduatoria generale, al fine dell’individuazione dei beneficiari della quota di alloggi riservati. Alle giovani coppie è riservata un’aliquota dell’80% degli alloggi disponibili del bando di concorso.

Gli alloggi che si renderanno disponibili sono così distinti: 22 destinati alla locazione per 25 anni, mentre 18 saranno assegnati con patto di futura vendita o in locazione per 15 anni.

14 Marzo 2019
Città-Futura.jpg?fit=935%2C529&ssl=1

Non più solo via Pascoli, la zona di piazza del Mercato e dell’asse urbano fino a piazza Matteotti, ma anche le zone lungo le direttrici di via Roma e via Paoli, di via Monti, di via Foscolo e di via San Bartolo in Tuto; e ancora l’area di via Galilei e Luzi, oltre a tutti gli esercizi di piazza Resistenza.

Questo il nuovo centro commerciale naturale Città Futura, dopo la firma di un protocollo d’intesa siglata oggi, giovedì 14 marzo, tra il sindaco Sandro Fallani e il presidente del consorzio Città Futura Vittoriano Farsetti.

“La presenza del commercio nel centro cittadino è fondamentale per la città – dice Farsetti – grazie alla collaborazione tra Comune, Città Futura e Confesercenti abbiamo già messo a punto un programma di iniziative che vanno da adesso fino a fine settembre.  I centri commerciali naturali sono strumenti preziosi per rivitalizzare i nostri centri: le città vivono se vive il commercio, il commercio vive se vivono le città”.

Con l’accordo viene anche fissata l’adozione di misure cittadine previste anche dalla normativa regionale: in particolare interventi per migliorare l’accessibilità con i diversi mezzi di trasporto, per la creazione di segnaletica per i percorsi di avvicinamento, di idonee dotazioni di aree di parcheggio, eliminazione di barriere architettoniche, eventuali incrementi dell’illuminazione e interventi sulla qualità urbana, anche attraverso l’armonizzazione delle insegne commerciali e la predisposizione di piani del colore; creazione di sistemi di trasporto pubblico di interscambio in sostituzione delle auto private; creazione di spazi pubblici e di relazione destinati ad attività di sviluppo della socialità, forme di semplificazione, incentivazione e sostegno a favore di iniziative che prevedano il riutilizzo di fondi a destinazione commerciale o artigianale rimasti vuoti; costituzione di reti di fidelizzazione dei consumatori e di vendita on-line; attività di formazione degli operatori finalizzate ad accrescere la qualità dei servizi resi all’utenza e a creare economie di scala; realizzazione di punti di accesso gratuito a rete wi-fi e altro ancora.

“Questo centro commerciale naturale è già un’eccellenza nella città metropolitana di Firenze – ha detto il sindaco Fallani – con un’attrattiva di livello regionale e oltre, grazie alla ricchezza delle iniziative cittadine e alle nostre infrastrutture, prima tra tutte la tramvia; è una risorsa unica, rappresenta un’occasione preziosa per il lavoro, favorisce gli incontri tra i cittadini, è uno degli elementi a fondamento dell’alta qualità della vita di Scandicci”.

 

 

11 Marzo 2019
strisce-pedonali.jpg?fit=1200%2C671&ssl=1

Sono iniziati stamani, lunedì 11 marzo, i lavori per rifare la segnaletica orizzontale in via Pisana, via delle Bagnese e via Poccianti nei tratti – chiaramente – di competenza del comune di Scandicci. Saranno rinnovate le strisce pedonali, i dossi per gli attraversamenti, i segnali di stop e le mezzerie.

Le operazioni dureranno alcuni giorni, dopodiché la squadra di operai impegnata a Le Bagnese passerà ad un altro quartiere, mentre quella impegnata lungo la direttrice di via Pisana interverrà per ridipingere le strisce pedonali e gli attraversamenti rialzati su tutto l’asse di via Roma. Il piano dei lavori – predisposto dal Comando di polizia municipale – prevede 160mila euro di investimento del Comune in due anni.

«Priorità alla sicurezza, prima di tutto per i pedoni e più in generale per tutti i cittadini che si muovono sulle nostre strade – dice il sindaco Sandro Fallani –, procediamo quindi con interventi esclusivi per ridipingere le strisce e gli attraversamenti pedonali e in parallelo interveniamo con il rifacimento degli stop e delle linee di mezzeria nelle strade di tutto il territorio, quartiere dopo quartiere. Per la programmazione degli interventi sono state preziose le segnalazioni dei cittadini, che hanno evidenziato le priorità d’intervento per il piano biennale dell’Amministrazione».

7 Marzo 2019
FB_IMG_1551982514942.jpg?fit=960%2C720&ssl=1

Ecco come si presenta adesso la facciata del PalaRialdoli di Scandicci dopo l’inaugurazione del murale di Skim per l’iniziativa #unmuroperSofia.
“Rari, non invisibili!” è il motto di questa campagna organizzata dall’associazione Voa Voa Onlus – Amici di Sofia.

 

7 Marzo 2019
bancomat.jpeg?fit=333%2C221&ssl=1

È durato tutto sommato poco lo sgomento dei residenti de Le Bagnese per la chiusura dello sportello bancomat di via Silvestro Lega.

L’erogatore di denaro contante sarà infatti rimesso in funzione a breve e sarà attivo fino a fine 2019.

Banca Intesa Sanpaolo ha cambiato idea dopo la lettera che il sindaco Sandro Fallani ha scritto al direttore regionale dell’istituto Luca Severini.

Ricordiamo che questo ATM è stato disattivato a fine febbraio a seguito della chiusura dello sportello bancario, ma è l’unico servizio finora presente per i cittadini del quartiere di San Giusto Le Bagnese e delle zone limitrofe.

Fallani sta intanto contattando gli istituti bancari attivi nel territorio e ha già coinvolto l’associazione di categoria Confesercenti, per trovare una soluzione definitiva al problema che riguarda circa 10mila cittadini.

«Esperienze già avviate e ben funzionanti in Italia e in Toscana – dice fra l’altro Fallani nella sua comunicazione al direttore Luca Severini – indicano la possibilità di tenere aperti localmente sul territorio punti di erogazione di denaro contante anche in assenza di sportelli bancari, proprio per garantire un servizio anche di tipo sociale alla cittadinanza; tali servizi possono essere allestiti anche facendo riferimento alla presenza di negozi o pubblici esercizi , dei quali il nostro tessuto cittadino è particolarmente ricco. Soluzioni al riguardo vanno trovate sia per il quartiere di San Giusto Le Bagnese, sia per il quartiere di Vingone, anch’esso particolarmente popoloso, con un tessuto commerciale molto attivo ma privo di sportelli bancomat».

6 Marzo 2019
Albero-caduto.jpg?fit=526%2C457&ssl=1

Sono iniziati oggi, mercoledì 6 marzo e si concluderanno nei prossimi giorni gli abbattimenti di quattordici piante a Scandicci nelle vie Agnoletti e Torricelli, con gravi problemi di “salute” tali da compromettere la sicurezza dei cittadini.

Nel dettaglio, si tratta di quattro aceri in via Agnoletti e dieci pioppi cipressini in via Torricelli, che saranno sostituiti con altrettante piante, di specie consone alla presenza in città e in linea con i principi della biodiversità all’interno dell’habitat urbano, che saranno messe a dimora nei periodi dell’anno migliori per l’attecchimento.

“La scelta di abbattere un albero non viene mai presa a cuor leggero – dice l’assessora al Verde pubblico Barbara Lombardini – ma la sicurezza dei cittadini viene prima di tutto. Gli abbattimenti sono stati decisi dopo che nel corso dei controlli ordinari alle alberature in città sono emerse le condizioni di cattiva salute degli alberi, confermate poi dalle relazioni agronomiche richieste. Anche gli alberi hanno un ciclo di vita, al termine del quale accusano problemi che purtroppo devono essere presi in seria considerazione, specialmente quando si trovano in zone densamente abitate come i quartieri della nostra città”.

6 Marzo 2019
CRI-cantiere-2.jpeg?fit=1200%2C900&ssl=1

Era il 13 marzo del 2017, quando un incendio devastò l’edificio di via Vivaldi in cui un mese dopo avrebbe dovuto essere inaugurata la nuova sede della Croce Rossa di Scandicci.

Lo spettacolo che si presentò ai cittadini fu desolante: le due palazzine affiancate totalmente annerite e semi-distrutte dalle fiamme. Il rogo sembra che si sia sprigionato per cause accidentali, durante l’attività degli operai. L’amministrazione fornì in tempi snelli alla CRI una sede provvisoria nella ex scuola Alberti in piazza Boccaccio, dove è tutt’ora.

Il 17 settembre scorso fu dichiarato che le analisi all’interno del cantiere devastato dal rogo confermarono che non esistevano evidenze tali da prevedere la demolizione delle strutture in essere: in altri termini, non sarebbe stato necessario abbattere e dover ricostruire tutto daccapo. Una rassicurazione non di poco conto.

Gianni Pompei – presidente della CRI di Scandicci – disse che entro il 2019 avrebbe dato alla cittadinanza la nuova struttura. E così è: da stamani il cantiere è aperto e si attende solo di sapere quali saranno i tempi di realizzazione.

Da evidenziare che la “mazzata” data dal rogo della costruenda sede di via Vivaldi e le intuibili conseguenze in termini di disagio non hanno indotto neanche un volontario ad alzare bandiera bianca e ad abbandonare il servizio di volontariato: durante gli ultimi due anni, anzi, i numeri inerenti ai servizi svolti, sia di emergenza sia di carattere sociale, sono stati in crescendo.

Basti pensare che gli istruttori hanno proseguito regolarmente l’attività di formazione per l’uso dei defibrillatori e che ben quattro nuovi dispositivi salvavita sono stati installati in città nel corso dei mesi.

 

 

3 Marzo 2019
CasaPound-3.3.19.jpg?fit=1200%2C900&ssl=1
CasaPound – a maggior ragione dopo essersi ufficialmente candidata a governare Scandicci – continua a farsi sentire denunciando situazioni, a suo dire, di carenza a svantaggio dei cittadini.
L’ultimo episodio è relativo al giardino dell’asilo Turziani, che “da più di un anno si trova senza giochi”, fa sapere il movimento neofascista tramite il candidato sindaco Matteo Daddi. Ragion per cui i militanti di estrema destra hanno affisso un eloquente striscione, con su scritto “Bambini senza giochi, amministrazione assente”.
La struttura dell’asilo, dice Daddi, è di proprietà statale, mentre il giardino che la circonda è di proprietà comunale e da oltre un anno, dopo alcuni lavori durante i quali i giochi sono stati rimossi, “il Comune è latitante, i giochi non vengono rimessi e i bambini sono costretti a portarsi i balocchi da casa”.
27 Febbraio 2019
parcheggioboito.jpg?fit=1200%2C675&ssl=1

Alle 16,30 di oggi, mercoledì 27 febbraio, è stato inaugurato il nuovo parcheggio di via Boito a Casellina, con 88 posti (di cui tre per disabili) accanto alla scuola d’infanzia Italo Calvino.

Con l’apertura del parcheggio è fissato anche il divieto di sosta una volta al mese per pulizia strade, in un orario che – precisa il Comune – non interferisce con l’uscita dalla scuola e con il rientro serale dal lavoro dei cittadini: la pulizia del parcheggio sarà infatti effettuata il terzo martedì del mese dalle 17 alle 18,30.


Chi siamo

Lo Studio Grafico Image dopo aver acquisito “IN SCANDICCI”, ha voluto dare la sua impronta rivoluzionando il giornale che si presenterà con una veste grafica completamente rivisitata, oltre a voler rinfrescare l’immagine e inserire maggiori contenuti all’interno del sito web coordinato. Inoltre sarà sviluppato su 16 pagine sempre in formato tabloid e suddiviso in categorie d’interesse riconoscibili dal colore che si abbinerà all’argomento trattato. I temi saranno numerosi e vari, chiaramente incentrati per la maggior parte sul territorio di Scandicci e dintorni.


CONTATTACI



Iscriviti alla Newsletter


© Copyright by Stampadaimage 2017. All rights reserved.