Categoria: Cronaca

18 Ottobre 2019
Carabinieri-3.jpg?fit=1200%2C1226&ssl=1

Nuovo episodio di spaccio di stupefacente a Scandicci.

Un 22enne – come riporta Gonews – è stato arrestato oggi, venerdì 18 ottobre, dopo aver venduto una stecca da nove grammi di hashish a un cliente, accettando come pagamento un orologio.

I militari hanno intuito la natura dello scambio e sono intervenuti cogliendo il giovane in flagranza di reato.

Allo spacciatore l’Arma ha anche sequestrato 70 euro, ritenuti probabile frutto dell’illecita attività.

16 Ottobre 2019
Carabinieri-scura.jpg?fit=1200%2C593&ssl=1

Ieri sera – martedì 15 ottobre verso le 21 – al confine tra le frazioni di San Vincenzo a Torri e Cerbaia un pirata della strada ha creato un bel po’ di scompiglio.

Come riporta La Nazione, sulla provinciale tra San Casciano e Ginestra Fiorentina una vettura ha colpito un autocarro e subito dopo un’automobile mentre effettuava una manovra di sorpasso e l’aspetto più grave della vicenda è che l’automobilista responsabile del doppio sinistro non si è fermato, ma anzi se ne è andato a gran velocità.

Se non altro va registrato che le conseguenze dell’accaduto non sono state pesanti per le persone coinvolte: qualche contusione, unite però a molta paura e a rabbia per essere state vittime di un atto di enorme inciviltà.

I carabinieri della stazione di San Casciano, intervenuti poco dopo, stanno ora provando a risalire all’identità del pirata della strada.

13 Ottobre 2019
anpi-4.jpg?fit=960%2C538&ssl=1

Nella notte fra venerdì e sabato scorsi, 11 e 12 ottobre, a San Giusto è stata manomessa la targa che ricorda Elio Chianesi, comandante partigiano dei gruppi di azione patriottica torturato e ucciso dai fascisti. A denunciare l’accaduto – anche alle autorità competenti – è stata l’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia), che ha parlato di “provocazione di stampo fascista”.

La targa, ricordiamolo, era stata apposta in via Chianesi poco più di un anno fa dall’amministrazione comunale e più o meno nello stesso periodo era stata aperta a pochi metri di distanza la sede di CasaPound.

Come risposta a quanto accaduto, stamani alle 10 si è tenuto un flash-mob (manifestazione pacifica organizzata col passaparola) dell’Anpi sul luogo dello spregio ed è stata ricollocata una targa provvisoria in sostituzione di quella divelta.

Nella circostanza è anche stato distribuito un volantino (vedere immagini) di condanna e denuncia dell’accaduto.

Vania Bagni, presidentessa Anpi provinciale di Firenze, ha dichiarato: “È questo l’ennesimo attacco alla democrazia esercitata anche attraverso il rispetto dei luoghi e dei simboli che la rappresentano. È indispensabile e non più prorogabile l’ impegno delle istituzioni e dei partiti che si dicono realmente antifascisti, a farsi carico della necessità di contrastare le nuove destre con l’uso degli strumenti democratici, con l’applicazione delle leggi dello Stato. È necessario stabilire, e con chiarezza, che c’è un confine tra il lecito e l’illecito, tra ciò che è ammesso e ciò che non è ammesso in democrazia. È un appello che viene anche dall’Europa ed è giunto il tempo che si agisca, fuori dalla retorica; aspettare ancora è una dichiarazione di debolezza e significa arrendersi al peggio”.

12 Ottobre 2019
Ambulanza-118.jpg?fit=266%2C324&ssl=1

Stava lavorando a una fustellatrice (macchinario che mediante lame incide o taglia materiale vario) il 51enne di origine marocchina feritosi ieri, venerdì 11 ottobre, in un’azienda cartotecnica di Scandicci.

Le conseguenze sull’operaio sono state di grande rilevanza, tanto che è stato trasportato d’urgenza ed è ancora ricoverato all’ospedale di Careggi.

L’assessora regionale al diritto alla salute, Stefania Saccardi, ha dichiarato in proposito che quella degli incidenti sul lavoro è una piaga che non si riesce a eliminare, nonostante le numerose azioni messe in atto per aumentare la sicurezza sui luoghi di lavoro.

 

 

11 Ottobre 2019
Carabinieri-3.jpg?fit=1200%2C821&ssl=1
Nella mattina di ieri, giovedì 10 ottobre, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Scandicci, mentre controllavano una vettura, notavano che l’occupante, appena accortosi della loro presenza, si portava del materiale alla bocca deglutendolo frettolosamente.
L’immediato intervento dell’Arma consentiva di appurare che il soggetto, un 30enne cittadino marocchino accompagnato dalla 33enne connazionale convivente, nel tentare di eludere il controllo aveva deglutito degli ovuli di sostanza stupefacente.
Infatti, appena iniziato il controllo dell’auto i militari avevano trovato un ovulo di cocaina e le successive perquisizioni a casa del fermato avevano consentito di rinvenire 360 grammi di sostanza stupefacente di tipo anfetaminico, 9 grammi di marijuana e 1.450 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio. Dai successivi controlli sanitari condotti in ospedale, si appurava che il soggetto aveva ingerito ulteriori 9 ovuli di cocaina.
L’uomo è stato quindi dichiarato in stato di arresto e sottoposto a giudizio direttissimo con l’applicazione dell’obbligo di firma e di dimora nelle ore notturne in attesa di dibattimento.
10 Ottobre 2019
SAVE_20191010_200546.jpg?fit=1200%2C900&ssl=1

Oggi pomeriggio, giovedì 10 ottobre, i militanti di CasaPound Scandicci hanno affisso uno striscione con la scritta “Dal Forteto a Bibbiano. Parlateci degli abusi”,  cui è seguito un volantinaggio.

Il motivo, hanno detto fra l’altro i responsabili della protesta, è che alla Fiera “anche quest’anno è presente il Forteto,  sebbene sotto altro nome e se a suo tempo avessimo parlato in modo onesto e trasparente del Forteto sicuramente adesso non saremmo stati a parlare di Bibbiano (…) la sinistra toscana non ha mai fatto chiarezza sui suoi rapporti con la comunità mugellana, chiarezza che sarebbe dovuta prima di tutto alle vittime dell’intera vicenda e anche ai tanti dipendenti della cooperativa, esterni ed estranei alla comunità che abusava dei minori, e che adesso rischiano il posto di lavoro”.

20 Settembre 2019
Uomo-su-gru.jpg?fit=1200%2C901&ssl=1

Da stamani, venerdì 20 settembre, un uomo si trova a decine di metri di altezza in cima a una gru collocata nel cantiere per l’ampliamento della scuola Pettini in via della Pieve a Scandicci.

Si tratta di un operaio – egiziano come gli altri suoi colleghi impegnati nei lavori al cantiere – che, a quanto abbiamo appreso, protesta perché lui e gli altri operai non sarebbero stati pagati dalla ditta per cui lavorano che ha in subappalto parte degli interventi edili.

La situazione è tesissima, sul posto sono presenti, oltre al sindaco Fallani e al suo vice, anche ambulanza, vigili del fuoco e carabinieri.

AGGIORNAMENTO: l’uomo è stato poi raggiunto da un compagno di lavoro e insieme hanno portato avanti la protesta. Solo dopo lunghe trattative che li hanno rassicurati circa il pagamento di quanto loro dovuto, i due operai sono scesi e tutto è tornato alla normalità.

18 Settembre 2019
carabinieri.jpg?fit=943%2C615&ssl=1

I carabinieri del comando provinciale hanno arrestato a Scandicci ieri, martedì 17 settembre, un pregiudicato tunisino 41enne che è stato sorpreso mentre tentava di forzare le portiere di due autovetture parcheggiate in via Don Minzoni.

Lo straniero è anche stato trovato in possesso di un ciclomotore risultato rubato e per questo è stato denunciato anche per ricettazione.

16 Settembre 2019
ALE0071.jpg?fit=931%2C1311&ssl=1

I carabinieri della compagnia di Scandicci nel corso del fine-settimana appena trascorso hanno denunciato quattro stranieri e segnalato un giovane, anch’esso straniero, alla prefettura di Firenze.

Nel dettaglio, ecco le persone deferite in stato di libertà:
– un cittadino albanese, F.N. classe 1984, per soggiorno illegale in Italia;
– un cittadino tunisino, Y.L. classe 1980, per ubriachezza;
– due cittadini marocchini B.H. classe 1990 e B.A. classe 1989, per possesso ingiustificato di grimaldelli e materiale atto a forzare serrature.

E, come anticipato, hanno segnalato alla prefettura un giovane albanese, Q.D. classe 1998, perché deteneva, per uso personale, un grammo di hashish.

15 Settembre 2019
Carabinieri-1.jpg?fit=1200%2C593&ssl=1

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e i colleghi della stazione di Badia a Settimo, nella serata di ieri, sabato 14 settembre,  hanno arrestato un cittadino italiano 40enne per maltrattamenti in famiglia.

I militari, già a conoscenza della particolare situazione del nucleo familiare, sono intervenuti  al culmine dell’ennesimo episodio di violenza contro la moglie 43enne e – elemento che aggrava terribilmente la questione –  alla presenza del figlio minore, che può essere considerato a tutti gli effetti “vittima di violenza assistita”.

La lite di ieri è stata l’ultima di una serie di violenze di cui l’uomo si era reso protagonista a spese della consorte e quindi, per fortuna, l’Arma lo ha finalmente arrestato e portato a Sollicciano.


Chi siamo

Lo Studio Grafico Image dopo aver acquisito “IN SCANDICCI”, ha voluto dare la sua impronta rivoluzionando il giornale che si presenterà con una veste grafica completamente rivisitata, oltre a voler rinfrescare l’immagine e inserire maggiori contenuti all’interno del sito web coordinato. Inoltre sarà sviluppato su 16 pagine sempre in formato tabloid e suddiviso in categorie d’interesse riconoscibili dal colore che si abbinerà all’argomento trattato. I temi saranno numerosi e vari, chiaramente incentrati per la maggior parte sul territorio di Scandicci e dintorni.


CONTATTACI



Iscriviti alla Newsletter


© Copyright by Stampadaimage 2017. All rights reserved.