Confesercenti Scandicci rinnova la presidenza. Daniele Spinelli confermato al timone

30 Aprile 20212min88
daniele_spinelli

Confesercenti Scandicci ha rinnovato i vertici, che vedono ancora al timone Daniele Spinelli (nella foto, da FB). La nuova presidenza saluta cinque nuovi arrivati: Linda Cannoni, Liduina Silva, Raffaele Usiello, Alessio Giogli e Paolo Moretti.

Confermati – oltre al presidente Spinelli – anche Andrea Cipriani, Tina Cotellessa, Fabrizio Pisani e Stefania Paoli.

Per aiutare la categoria a sostenere le conseguenze della pandemia “a livello locale – afferma Spinelli – abbiamo trovato ascolto e sostegno da parte dell’amministrazione comunale che, stante i limiti e le difficoltà oggettive, è intervenuta a favore delle imprese locali: con tagli alla tassazione e consentendo iniziative a favore di pubblici esercizi e del commercio su area pubblica”.

Per Francesco Chini, responsabile sindacale Confesercenti Area Metropolitana, “nei prossimi anni l’attenzione della nostra associazione sarà indirizzata verso gli importanti interventi urbanistici e di riqualificazione lungo l’asse commerciale Resistenza – Pascoli –Togliatti – Matteotti da un lato e sulle previsioni di sviluppo lungo l’asse tranviario verso Villa Costanza dall’altro”.

Confesercenti guarda con grande attenzione ai quartieri di Scandicci dove, nonostante le grandissime difficoltà, resta forte la presenza del commercio di vicinato e dei servizi che rappresentano un vero e proprio presidio del territorio. “Siamo sempre più convinti – prosegue Chini – dell’importanza della funzione sociale che svolgono le attività commerciali, artigianali e di servizio presenti nei centri storici e nei quartieri delle nostre città”.

Infine una considerazione del presidente Spinelli sulla fiera di Scandicci, che “rappresenta – afferma – un appuntamento tra i più importanti del settore a livello regionale e, superate le difficoltà legate alla pandemia, pensiamo possa tornare ad essere uno strumento di promozione utile anche alle imprese locali. Crediamo necessaria – conclude Spinelli – una riflessione per renderla ancor più importante per le imprese del territorio, pur mantenendone, dal punto di vista fieristico, una valenza sovra comunale indiscutibile”.


Iscriviti alla Newsletter