Duecento al corteo per Niccolò Ciatti

5 Giugno 20212min105
IMG_20210605_215149

Erano in più di duecento, al corteo che oggi pomeriggio, sabato 5 giugno, ha sfilato a Firenze per Niccolò Ciatti, per chiedere giustizia per il giovane scandiccese ucciso ad agosto 2017 in Spagna e per chiedere alla magistratura iberica di far iniziare il processo.

Con una foto di Niccolò in mano, o con indosso una maglietta a lui dedicata, dopo varie tappe – Piazza della Repubblica, piazza San Giovanni, San Lorenzo, via Calzaiuoli, Sant’Ambrogio e infine via dell’Agnolo – i manifestanti sono arrivati davanti al consolato onorario della Spagna.

Erano presenti anche l’assessora di Firenze Sara Funaro e il sindaco di Scandicci Sandro Fallani con tanto di fascia tricolore.

Il concetto espresso da tutti è che “se la Spagna non vuole o non riesce a processare due dei tre ceceni che uccisero Niccolò,  allora si faccia da parte e consegni quelle bestie allo Stato italiano, visto che anche la Procura di Roma ha aperto un inchiesta per omicidio volontario”.

Nei prossimi giorni si attiverà nuovamente anche il parlamentare del Movimento 5 Stelle Alfonso Bonafede, con una interrogazione alla guardasigilli Marta Cartabia affinché il governo italiano sostenga i genitori di Niccolò e faccia pressioni su quello spagnolo per far avviare il processo.

 


Iscriviti alla Newsletter