Duro colpo alle imprese artigiane di Scandicci

22 Marzo 20211min172
Lavoro

La città della fiera ha registrato un calo del 2,4% di imprese artigiane negli ultimi dodici mesi.

Lo fa sapere Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa), che non manca di precisare che l’elemento forse più pesante è rappresentato dal 34% in meno di nuove imprese rispetto al 2019.

Secondo il presidente di Cna Scandicci Simone Balducci, una chiara responsabilità per questa situazione è da attribuire alla politica, che non avrebbe sostenuto sufficientemente il settore in un’epoca così “unica” come quella della pandemia: cassa integrazione a rilento, risorse che la Regione ha riservato a tante categorie meno quella dell’artigianato e altro ancora.

In una sconcertante danza di numeri col segno meno – società di capitale (-1,9%), imprese individuali (-2,5%), società di persone (-1,7%), imprese artigiane femminili (-3,9%), giovanili (5,8%) – la principale richiesta  di Cna è un rinnovato criterio per l’erogazione degli aiuti alle imprese.


Iscriviti alla Newsletter