Formazione per persone con disabilità, appello alle aziende: “Siate aperte e inclusive”

10 Novembre 20214min219
Pelletteria

“Abbiamo dato una formazione qualificata a dieci persone con disabilità che hanno frequentato il nostro corso base di pelletteria a Scandicci. Mi rivolgo alle aziende del territorio invitandole a essere aperte e inclusive”. Così Franco Baccani, presidente dell’Alta Scuola di Pelletteria Italiana lancia un appello dopo la conclusione da pochi giorni del corso base di pelletteria, gratuito, di 250 ore, frequentato da persone con disabilità, realizzato in collaborazione con Anmil (Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro) e finanziato da Irfa, l’Istituto di Riabilitazione e Formazione dell’Anmil.

Il corso consente di acquisire una preparazione di base sulle caratteristiche dei diversi tipi di pellame, le varie fasi del processo di lavorazione, dal prodotto base a quello finito, la conoscenza, l’uso e la manutenzione degli strumenti manuali e dei macchinari che le diverse lavorazioni richiedono.

“Per noi promuovere formazione, inserimento e integrazione lavorativa per queste persone non è un’utopia ma una possibilità concreta. Un’occasione – prosegue Baccani – non solo per loro ma anche per le aziende del settore che possono in questi casi accedere ad agevolazioni fiscali mirate. Alcuni dei corsisti riescono a eccellere nonostante le loro difficoltà, sia per lavorare a macchina che al banco. Sarebbe un peccato sprecare queste competenze, lasciando che l’inclusione di cui tanto si parla resti solo una bella parola. Noi, come Alta Scuola, ci crediamo. Crediamo nel potenziale delle persone, nella loro capacità di formarsi e di andare oltre i propri limiti. Per questo – conclude – contiamo di poter organizzare un altro corso come questo in futuro”.

“Poter imparare un mestiere e dare il proprio contributo all’interno di un processo creativo e produttivo è una delle forme d’inclusione più concrete ed efficaci che esistono – dice l’assessora alla Formazione professionale del Comune di Scandicci Diye Ndiaye – il corso dell’Alta Scuola di Pelletteria per persone con disabilità parte proprio da questo principio, e dalla consapevolezza che le persone formate rappresenteranno risorse preziose e pienamente collaborative per le aziende in cui troveranno lavoro. Ci uniamo all’appello già rivolto alle imprese del territorio, che accogliendo e includendo i partecipanti a questo corso hanno l’occasione di arricchirsi con nuove competenze ed energie”.

All’appello si sono uniti anche i comuni di Firenze, Bagno a Ripoli, Pontassieve e Lastra a Signa.

“Fino a oggi, grazie ai corsi organizzati dal nostro ente di Formazione – dichiara il presidente dell’IRFA Giuseppe Diamanti – abbiamo formato ben 536 persone con disabilità che hanno avuto così l’opportunità di ripartire da una nuova qualifica professionale, aggiungendo competenza al proprio curriculum e soprattutto rafforzando la propria autostima e creando nuove occasioni per poter rientrare nel mondo del lavoro, quindi ci uniamo ad un appello che vuole far avvicinare mondi spesso distanti e far comprendere da vicino quanto spesso siano più alte le barriere psicologiche che innalziamo rispetto alla realtà”.


Iscriviti alla Newsletter