Giorno 1 della ripartenza: com’è andata a Scandicci?

18 Maggio 20203min8186
Parrucchiera

Era un momento più che atteso e la trepidazione era tanta: sia per i cittadini che per quegli esercenti che hanno riaperto i bandoni.

A Scandicci la giornata è scorsa senza particolari scossoni e non ci sono arrivate segnalazioni, da parte delle forze dell’ordine, relative a episodi sopra le righe.

Diciamo subito che non tutti i residenti hanno trovato aperto ciò a cui erano abituati, quindi qualche punto di riferimento – dal parrucchiere al negozio di bigiotteria – è stato necessariamente cambiato o messo in lista d’attesa.

«Pensavo peggio – confessa Romina, che da due mesi tentava di “camuffare” in autonomia la ricrescita dei capelli -, ho avuto modo di farmi rimettere a posto l’acconciatura senza troppi ingrullimenti. Certo che fra mascherina e precauzioni varie il disagio c’è, ma insomma si è ripartiti!».

«Mi piaceva portare a cena fuori la mi’ moglie, stasera – spiega Giovanni, che aveva quasi deciso di sedersi questa sera al tavolo di un locale a est della città – ma poi ci s’è pensato e s’è detto che per ora si compra da mangiare e si porta a casa». Dichiarazione eloquente, questa, sullo stato d’animo di molte persone: la voglia di tornare a svagarsi, anche col palato, c’è, ma prevale la cautela e forse anche un senso di insicurezza che si è silenziosamente insinuato in tutti noi settimana dopo settimana.

E altrettanto eloquente, sul fronte opposto, è quanto ha scritto su Fb il negozio Miracle (nella foto) che ha riaperto stamani: «Ricominciare è come rinascere. Siamo delle piccole “fenici” pronte a risorgere dalle proprie ceneri. Buon lavoro a tutti coloro che hanno rialzato oggi la saracinesca!».

Girando fino a poco fa per la città della fiera si è poi avuta l’impressione – ascoltando un discorso qua e un discorso là – che stasera, siccome oggi si possono ricominciare a vedere gli amici, ci sarà un certo movimento in alcuni dei luoghi solitamente frequentati dai giovani. La raccomandazione è chiaramente quella di rivedersi, scherzare e godere della compagnia reciproca per quanto possibile, ma sempre mantenendo la distanza di almeno un metro.

Anche gli spazi verdi sono stati frequentati oggi nella giusta misura, senza affollamenti né attività eccessivamente inadeguate alle misure anticontagio; per le aree gioco c’è da aspettare: il Comune sta predisponendo il piano per le sanificazioni giornaliere delle attrezzature ludiche per i bambini, così come previsto dalle linee guida per le riaperture, per poter al più presto rendere di nuovo accessibili gli spazi.


Iscriviti alla Newsletter