Il futuro di piazza Cavour a San Giusto: approvata la riqualificazione

15 Dicembre 20203min265
IMG_20201215_150257

Grandi novità per piazza Cavour a San Giusto: l’area diventerà interamente pedonale, dalla superficie a verde sino al fronte dei condomini e delle attività commerciali. Lo ha stabilito la giunta comunale di Scandicci approvando il progetto definitivo di riqualificazione con un investimento di 730mila euro.

Sarà eliminato sia il tratto di strada che attraversa la piazza adesso sia il controviale, nell’ambito di un progetto che fissa il rifacimento dello spazio di verde pubblico con la piantumazione di nuovi alberi, un miglioramento della viabilità e dell’assetto della sosta, l’installazione di una batteria di cassonetti interrati, l’allargamento dei marciapiedi anche davanti alla scuola primaria Pertini, la realizzazione di tre attraversamenti rialzati, una nuova pavimentazione dell’area del giardino e di quella pedonale in generale, nuove panchine e il rinnovo dell’impianto di illuminazione pubblica.

Ma veniamo ai dettagli del progetto: sistemazione dell’intersezione tra le vie Ponte a Greve, Barducci e Ballerini; eliminazione della viabilità esistente tra le aree a verde ed i civici da 8 a 16 di pazza Cavour, realizzando un’area pedonale rialzata; allargamento del marciapiede davanti alla scuola Pertini alla misura minima di 1,5 m per tutta la lunghezza, da via Ballerini a via Neruda, e realizzazione di una fermata per lo scuolabus; adeguamento dell’ingresso del parcheggio a lato del complesso scolastico; formazione di tre attraversamenti pedonali rialzati; realizzazione di un’isola ecologia costituita da cassoni interrati per rifiuti differenziati (due file da 5 elementi ciascuna); riorganizzazione dei parcheggi all’interno della piazza, realizzando stalli a spina lungo via Ponte a Greve e in linea in via Barducci; modifica delle aree a verde con mantenimento di un gran numero degli alberi esistenti ed innesto di nuove piantumazioni, con posizionamento alla base di pacciamatura e sassi bianchi di protezione; adeguamento dell’impianto di illuminazione pubblica e del sistema di raccolta e recapito delle acque piovane.

L’intera area destinata alla pedonalizzazione viene pavimentata in masselli autobloccanti, “divisi da una cordolatura in pietra annegata con andamento trasversale alla piazza che disegna un cono, dove un lato è perpendicolare alla via Ponte a Greve e l’altro al complesso di edifici fronteggiante la scuola”. L’area viene arredata con panchine con sedute in legno. Viene mantenuto anche l’albero attualmente collocato all’interno dell’isola spartitraffico di via Signano, che viene completamente ridisegnata.


Iscriviti alla Newsletter