LA MAGIA DEL CINEMA. RECENSIONI E DINTORNI – Omaggio a Daria Nicolodi

17 Dicembre 20204min136
165533797-6d91fddd-3786-41b0-ac20-53eea3e26ad8

Questa settimana vogliamo omaggiare Daria Nicolodi, recentemente scomparsa, donna eclettica del cinema, dello spettacolo e dell’arte, icona dell’horror italiano anni Settanta.

Fiorentina di nascita e di cultura, sua madre, figlia del musicista Alessandro Casella, fu la sua ispiratrice e colei che la spinse  a frequentare i primi circoli intellettuali romani. Inizialmente attrice di teatro, nel 1970 conosce Francesco Rosi che la vuole nel suo film Uomini contro,  si lega in una straordinaria amicizia a Carmelo Bene, avvia una relazione amorosa con lo scultore Mario Ceroli, da cui ha la sua prima figlia Anna.

Debutta in TV, ma parallelamente dà inizio anche ad una carriera musicale: duetterà con Gigi Proietti (altra grande scomparsa di questo anno nefasto).

Sicuramente una svolta nella sua vita e nella sua carriera avviene nel 1975 quando partecipa ai provini per il film Profondo rosso di Dario Argento: diventa la co-protagonista insieme a David Hemmings, delineando un personaggio chiave del film, la giornalista Gianna Brezzi,  svampita e ironica. Con Dario Argento si lega anche sul piano sentimentale, in un rapporto esplosivo (dal punto di vista artistico e relazionale) e altalenante. Non solo Daria sarà la sua attrice-musa, ma scriverà la sceneggiatura di film come Suspiria.

La Nicolodi non va ricordata soltanto per il suo legame con Argento: alla fine degli anni ’70 diventa una delle massime star italiane dell’horror per Mario Bava (in film come Schock e La Venere d’Ille ) e lei stessa vuole proclamare la sua indipendenza per non vivere nell’ombra del compagno. Dagli anni ’90 non concede più molte apparizioni (anche in seguito al grave incidente stradale che uccide la sua prima figlia Anna), se non nel film della figlia Asia Argento Scarlet Diva e poco altro. La vita degli ultimi anni è dedicata ai suoi studi esoterici, la passione per l’arte (alcune creazioni le chiama “quadri-assenza”), il suo universo musicale.

La ricordiamo con gli occhi sempre contornati dalla matita nera accentuata, il suo sguardo affascinante e misterioso, il suo appeal da dark lady.

“Io di solito non bevo: […] solo un po’ quando sono in crisi.
Ed è spesso in crisi?
Solo quando ho voglia di bere”.

(dal film Maccheroni  di Ettore Scola)

Potete trovare, con Daria Nicolodi, sulle piattaforme:

lo sceneggiato Ritratto di  donna velata di Flaminio Bollini – RaiPlay

Tenebre di Dario Argento – RaiPlay e Prime Video

Phenomena di Dario Argento – RaiPlay e Prime Video

Suspiria di Dario Argento – Netflix

Mila Baldi – Presidente Amici del Cabiria

Eleonora Dapinguente – Vicepresidente Amici del Cabiria


Iscriviti alla Newsletter