Lo sport ai tempi del Coronavirus

9 Aprile 20203min400
Pag. 29 - Giovanni Bellosi

Anche a giugno il calcio si fermerà e questo è un campanello d’allarme per tutto lo sport, compreso quello del nostro territorio. L’Uefa ha, infatti, sospeso le amichevoli delle nazionali previste a giugno, che potrebbero essere giocate più avanti. La decisione è stata presa nella riunione fra la Uefa e i segretari generali delle 55 federazioni. Rinviati anche i play-off di qualificazione all’Europeo. In Italia tutti i divieti di attività sono stati prolungati fino al 13 aprile ma c’è quasi la certezza di rivivere le emozioni del calcio giocato a settembre. In altre nazioni del mondo è già tutto bloccato fino a giugno. La Cina ha già messo di nuovo un ‘lock-down’ per una nuova ondata di epidemia.

La Federazione Italiana Pallacanestro ha già fermato i campionati dei Comitati lasciando speranza per i campionati di Serie A1, A2 e B; presto questa decisione sarà attuata da tutte le Federazioni. Questione di tempo e anche di logistica. 

Quando i Giochi Olimpici vengono ufficialmente rimandati non rimane che constatare che, almeno per quest’anno, ha vinto il Covid-19. 

Alcune società come la vicina Florence, hanno già igienizzato tutto l’impianto sperando di poter far fare ai propri ragazzi almeno l’ultima parte di stagione. 

Maurizio Pini, ds dello Sporting Arno, comunica in prima persona tramite Facebook le varie decisioni del Comitato Provinciale anche alle altre Società; il presidente del Casellina, Giovanni Bellosi, ha subito deciso di non far pagare l’affitto al ristorante adiacente al Campo Sportivo. 

Hanno pensato alla salute, ai bisogni economici, e soprattutto a un supporto sociale, lo sport arriva in seconda battuta. 

Bloccate tutte le attività del volley (che dovrebbe essere la prima Federazione ad annullare i campionati di questa stagione), il tennis, la ginnastica, il nuoto e tutte le attività nelle palestre. 

La nostra Scandicci dello sport si è fermata, e ormai si sono stoppate anche molte speranze di riaprire prima della prossima stagione. 

Speriamo di salvare i molti camp estivi in programma, organizzati sul territorio o quello della Savino Del Bene che si svolgerà a Viareggio. Se si dovessero svolgere, avremmo vinto la partita più difficile.

Di Lorenzo Mossani


Iscriviti alla Newsletter