Pelletteria: Andrea Calistri nel gruppo nazionale per la formazione

15 Ottobre 20213min251
ANDREA CALISTRI

Andrea Calistri (nella foto), titolare dell’azienda di pelletteria di Scandicci Sapaf e vicepresidente di Assopellettieri con delega al distretto toscano, è stato designato da Assopellettieri per entrare a far parte del nuovo Comitato Education di Confindustria Moda, composto da imprenditori ed esperti di tutti i comparti della moda: tessile-abbigliamento, calzature, pelletteria, occhialeria, oreficeria, pellicceria e concia. Confindustria Moda è la federazione formata dalle sette associazioni che rappresentano l’industria italiana della moda e degli accessori.

«La formazione per il mondo della moda e in particolare per la pelletteria è tutto – ha dichiarato Calistri -: solo attraverso un percorso qualificato di studio e di affiancamento con le aziende del settore possiamo far crescere un vivaio di creativi e artigiani che possa dare nuova linfa al mondo della pelletteria e tutelare la nostra identità Made in Italy. Penso al Polimoda, al Mita, allo Ied, all’Alta Scuola di Pelletteria. Abbiamo un ottimo bacino su cui lavorare e lo faremo tenendo ben presente il concetto di filiera della moda che coinvolge artigiani, scuole di formazione e aziende del lusso».

Obbiettivo di Confindustria Moda Education è consolidare la più ampia piattaforma di esperienze formative, per una migliore interazione tra aziende e scuole/centri di formazione, con particolare riguardo all’area tecnica/professionale. Inoltre, il comitato si propone di potenziare e rendere sistematica a livello nazionale e nei territori l’azione di orientamento scolastico/professionale nei confronti dei giovani, delle famiglie e di docenti orientatori, seguendo le linee strategiche e le attività indicate da Confindustria nazionale.

«Far parte di questa operazione importantissima di Confindustria Moda è una nuova sfida che si gioca in un settore in cui credo da sempre e che da sempre mi sono proposto di valorizzare – aggiunge Andrea Calistri – Nel corso degli anni ho sempre scommesso sul ruolo della formazione non solo ospitando in azienda tanti ragazzi per stage formativi, ma anche coinvolgendoli in progetti creativi, come la realizzazione di una vera e propria collezione realizzata ‘a quattro mani’ con gli studenti del Mita di Scandicci».

 


Iscriviti alla Newsletter