Precipita da quasi venti metri: morto a Scandicci un muratore

22 Maggio 20201min34877
Incidente lavoro

Due minuti a piedi da piazza Resistenza: qui, in via Cilea, breve strada fra via Pantin e via Donizetti, è accaduta circa due ore fa una tragedia che, ancora una volta, deve essere ascritta alla funesta categoria degli “incidenti sul lavoro”.

Verso le 12 di oggi, venerdì 22 maggio, a Scandicci un operaio edile è caduto da un’impalcatura durante i lavori di rifacimento della facciata di un condominio (nella foto, da Facebook) ed è morto praticamente sul colpo, sebbene l’allarme sia stato dato immediatamente, con tempestivo intervento del 118 e di altri enti di soccorso, oltre a carabinieri e altre forze dell’ordine.

La vittima, 48enne di origini albanesi, è caduta da una grande altezza, poco meno di venti metri. Le cause della disgrazia sono ancora al vaglio degli inquirenti, ma ciò che balza subito alla mente in situazioni del genere è sempre e solo un concetto: la sicurezza sul lavoro.

«Siamo toccati nel profondo come persone e come comunità, sconvolti e amareggiati di come ancora si possa morire di lavoro – ha detto il sindaco Fallani -. Oggi è un giorno tristissimo per Scandicci».


Iscriviti alla Newsletter