Ritardo mensa scolastica statale, lo sfogo di Fallani

23 Settembre 20201min406
Screenshot_2020-09-23-15-25-17-487_com.miui.gallery

«Sono amareggiato, alle soglie dell’avvilimento, perché abbiamo fatto i salti mortali lavorando tutto il periodo estivo per garantire la corretta apertura delle scuole compresi gli spazi per le mense, ma il ritardo cronico con cui lo Stato procede alle nomine degli insegnanti mancanti alla scuola statale, ha costretto i dirigenti scolastici a richiederci l’avvio del servizio mensa il 5 ottobre».

Così il sindaco di Scandicci Sandro Fallani ha espresso sui social tutto il proprio “disappunto” riguardo al ritardo con cui gli studenti della scuola statale potranno iniziare a fruire del servizio mensa. Nidi e materne comunali all’interno dei servizi 1-6 anni sono invece a posto, il servizio è già partito rispettivamente nelle date dell’8 e del 14 settembre. 

«La scuola pubblica è il bene più prezioso insieme alla sanità e non è concepibile che nel 2020 ci vogliano mesi per organizzare il personale – ha dichiarato inoltre Fallani -; siamo al limite dell’intollerabile e del poco comprensibile, un rischio di frattura con il mondo reale».


Iscriviti alla Newsletter