Sapaf Atelier 1954 “incontra” il mercato coreano

20 Ottobre 20202min82
Andrea Calistri

L’azienda di pelletteria con sede a Scandicci Sapaf Atelier 1954 – il cui titolare, Andrea Calistri (nella foto), è vicepresidente di Assopellettieri – è una delle ventuno realtà italiane selezionate dal Mipel, la più grande fiera internazionale del settore pelletteria, per inaugurare il Silent Mipel Showroom, un’iniziativa espositiva ‘ibrida’ che unisce fiera reale e virtuale.

Da oggi, martedì 20 ottobre e fino al 26 ottobre, le collezioni di Sapaf Atelier 1954 saranno esposte fisicamente all’interno di High Street Italia a Seoul, lo spazio dedicato al Made in Italy inaugurato lo scorso anno e realizzato dall’Agenzia ICE con il supporto del MISE e in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Seoul.

Mentre le creazioni dell’azienda saranno esposte fisicamente in Corea, i rappresentanti di Sapaf Atelier 1954, la famiglia Calistri, potranno incontrare da remoto i clienti interessati ai propri prodotti e raccontare virtualmente le peculiarità delle proprie creazioni.

«In questo momento ‘resilienza’ e ‘digitalizzazione’ sono le parole chiave che devono guidare la nostra attività – spiega Andrea Calistri -. Per questo abbiamo scelto di partecipare al Silent Mipel Showroom che ci apre nuove prospettive in Corea. Un mercato sì di nicchia ma che rappresenta uno dei bacini con il più alto potenziale per il Made in Italy in questo momento. Sappiamo bene che la fase non è delle migliori: l’emergenza sanitaria ha congelato gli spostamenti e cancellato le relazioni commerciali fatte di strette di mano e incontri vis a vis dall’altra parte del mondo. Proprio alla luce di tutto questo sono convinto che ora più che mai servano coraggio e determinazione per rimanere attivi sul mercato. E una buona attitudine alla sperimentazione per conquistare di nuovi».


Iscriviti alla Newsletter