SCANDICCI SECONDO ME… – Compriamo italiano, anzi… scandiccese!

23 Novembre 20202min378
Fiera 2019

Non sappiamo ancora che giorni ci aspettano prima di Natale. I dati non lasciano ancora presagire qualche spiraglio per tornare, nel giro di pochi giorni, ad una simil-normalità che potrebbe avere le sembianze del color “giallo” (inteso come zona).

Comunque vada, pur mantenendo sempre  tutte le dovute cautele, uno sforzo/tentativo per riavvicinarci a quella simil-normalità di cui sopra, dobbiamo farlo ugualmente, in particolare dai primi giorni di dicembre.

Mi riferisco, ovviamente, agli acquisti natalizi che potrebbero contribuire a fare risalire sia l’economia locale (e quella nazionale), sia quell’ottimismo verso il futuro, che non ci deve abbandonare mai.

Regali, tanti regali se possibile, ma non comprati on-line, bensì nei negozi sparsi sul vasto territorio scandiccese, che, proprio sotto questo aspetto, ci consente anche una maggiore varietà di scelta. Il nostro comune, infatti, è storicamente un’unione di tante “frazioni”, molte delle quali hanno mantenuto, quasi intatti, le proprie caratteristiche nonostante la globalizzazione.

La presenza di svariati “centri commerciali naturali” sull’ampio territorio che può vantare la nostra città, anzi, in questo caso, l’agglomerato di Scandicci, pochi altri comuni lo possono annoverare.

Acquistare “sotto casa” nelle prossime settimane potrebbe dare, quindi, un impulso decisamente forte in questo particolare, quanto delicato, periodo storico. In fondo, si tratta di semplici azioni da mettere in pratica anche senza gli inviti di economisti o specialisti in finanze.

Scandicci, come ben sappiamo, è all’avanguardia sia per i manufatti, che per la qualità dei propri esercenti al “minuto”, e la vocazione verso il commercio è alle radici della nascita sia di “Casellina e Torri” prima, che di Scandicci stessa poi.
In pratica, si tratta solo di fare leva sulla nostra storia e sul nostro passato per rendere migliore il nostro futuro immediato.

Insomma, riassumendo, per affrontare al meglio i prossimi giorni potrebbe “bastare” semplicemente fare… gli scandiccesi.

Di Roberto Vinciguerra, giornalista


Iscriviti alla Newsletter