Sofia

11 Febbraio 20202min1273
sofia

Sofia è una città ricca di storia, di cultura, di comunità religiose diverse che convivono in pace l’una accanto all’altra. Nel giro di un solo giorno vi potrebbe capitare di pregare accanto alla comunità ebraica sotto la luce della Stella di David, indossare l’Hijab e rivolgervi verso la Mecca insieme a fedeli musulmani, tenere le mani giunte in preghiera secondo i riti cristiani. E spalancare gli occhi davanti allo splendore delle chiese ortodosse, senza che mai venga il dubbio di essere figli di un Dio diverso.

In questa città incantata, una moltitudine di civiltà si sono mescolate nel tempo e nella storia ed ognuna ha lasciato la sua impronta. Dai primi Traci (la fondarono come Serdica nel VII secolo A.C.), si è passati ai Romani, poi agli Unni, ai popoli zingarici, ai Turchi Ottomani, fino ad arrivare ai Russi. La popolazione Bulgara ne è oggi una sintesi meravigliosa, esemplari nell’accoglienza e pacifica convivenza.

In visita a Sofia, non si può assolutamente perdere Vitosha Boulevard, l’arteria principale della città; Alexander Nievsky, le cui cupole, rivestite d’oro, abbagliano e risplendono al sole nelle belle giornate; la Moschea di Banya-Bashi, una delle più antiche d’Europa; la Chiesa di San Nicola dei Russi, che per tradizione, vede migliaia di fedeli lasciare bigliettini chiedendo al santo di esaudire le loro preghiere e desideri ( proprio come i bambini fanno con Babbo Natale, il Santa Claus nordico il quale prende il nome da San Nicola).

Da visitare anche la Chiesa di Boyana, Patrimonio Mondiale dell’Umanità secondo l’UNESCO; Il tipico Mercato Delle Donne (dove un tempo, si recavano solo le donne, custodi della cucina bulgara) che ospita prodotti freschi, spezie e miele, è l’anima della città dove gli abitanti di Sofia vanno fare la spesa.

Che dire, con tutte queste meraviglie non rimane che partire!!!  Mi raccomando, attenti ai gesti… i Bulgari annuiscono per dire no e girano la testa per dire sì!!!

 


Iscriviti alla Newsletter