Torna la “truffa del mercurio” a Scandicci

15 Luglio 20202min2504
Truffa mercurio

La “truffa del mercurio” sembra aver fatto nuovamente capolino a Scandicci, a distanza di un anno esatto da quando ne parlammo la prima volta (cliccare qui).

Come riporta La Nazione, un residente ha riferito che, non più tardi di un paio di giorni fa, ovvero lunedì 13 luglio, al suo appartamento ubicato in un condominio nel tratto compreso fra piazza Togliatti e via Aleardi due individui hanno suonato il campanello a breve distanza di tempo uno dall’altro. Il primo – proprio come negli episodi accaduti l’anno scorso – era in uniforme da carabiniere, mentre l’altro si è presentato in tuta da lavoro: il motivo della “visita”, stando al sedicente operaio, era il dover verificare, con l’autorizzazione del carabiniere, la qualità dell’acqua erogata in casa, per accertarsi che non ci fossero pericolose infiltrazioni di mercurio nelle tubature. Insomma, sempre lo stesso copione.

Il cittadino protagonista di quest’episodio aveva inizialmente fatto entrare in giardino i due uomini quando è improvvisamente sopraggiunta sua figlia che, ponendo con determinazione domande circostanziate agli intrusi, li ha indotti a girare i tacchi e ad allontanarsi.

L’Arma – la vera Arma! – appena informata dell’accaduto ha avviato le indagini del caso e ha colto l’occasione per ricordare a chiunque si trovasse in frangenti analoghi di telefonare al 112.


Iscriviti alla Newsletter