Via Pisana: riqualificarla per dare dignità a un’area ricca di storia

6 Agosto 20202min272
dig

Forse non tutti coloro che abitano lungo via Pisana, o negli immediati paraggi, sono a conoscenza dello spessore storico in cui affonda le radici quel tracciato.

Una via di collegamento che, fra le prime cose che vengono in mente, è stata per lungo tempo, nel lontano passato, la strada che le persone percorrevano per raggiungere il mare; nondimeno è stata un elemento di imprescindibile importanza per il commercio.

C’è così chi vorrebbe valorizzare via Pisana, la sua storia, la sua cultura e la sua arte, almeno in alcuni tratti. Per esempio nell’area di Scandicci, dove si trovano frazioni di primario interesse, come Granatieri, Olmo, il sito di Castelpulci e ovviamente la zona di Settimo, con la badia, la pieve etc.

Il comune di Scandicci ha espresso l’intenzione di ridare dignità a questo territorio e con apposita delibera verrà attivata una collaborazione con l’università, che una volta approntato il progetto proporrà gli interventi tesi a riqualificare strada, edifici e luoghi di interesse. Un primo passo, in tale prospettiva, è stato fatto gli anni scorsi, risistemando la strada che conduce alla villa di Castelpulci, sede della scuola di magistratura; ma insomma, l’obiettivo dovrebbe essere riuscire a trasformare tout court l’identità di via Pisana: pensarla principalmente non più come collegamento – peraltro con fondo stradale spesso ammalorato – alla zona industriale, ma come patrimonio storico e culturale del territorio scandiccese.


Iscriviti alla Newsletter