Aperto a Scandicci lo sportello online sui rischi di alcol, ludopatia e web

5 Ottobre 20204min91
18-20-53-volantino_sportello_drinkgame_1

È attivo a Scandicci lo sportello gratuito di consulenza online Drink&Game, per rispondere su tematiche legate ai rischi connessi all’abuso di bevande alcoliche e di internet, con particolare riferimento al gioco on-line (Gaming).

Il progetto è promosso dall’Associazione dei Club degli Alcolisti in Trattamento (ACAT), associazione da oltre trenta anni attiva sul territorio comunale, e sostenuto da Comune di Scandicci e Società della Salute zona Nord-Ovest.

Le consulenze si svolgeranno in modalità online, mediante piattaforma Skype o videochiamata Whatsapp.

Per richiedere un appuntamento è sufficiente inviare un sms o un messaggio whatsapp al numero 370.3737004 o una e-mail acat.scandicci@gmail.com.

“Chi lavora con i giovani e con le famiglie si trova sempre più spesso ad ascoltare le difficoltà dei genitori nella gestione del rapporto dei figli con la rete e con le sostanze, soprattutto l’alcol. Difficoltà che ritroviamo spesso negli adulti stessi – dice l’assessore alle Politiche sociali Andrea Franceschi – Lo sportello Drink&Game, da noi promosso, è una risposta per accogliere le famiglie e dare un servizio di primo ascolto, orientando eventualmente verso percorsi più specialistici o interventi di secondo livello”.

Attraverso il progetto verrà garantito fino ad un massimo di 3 colloqui con personale qualificato, in seguito ai quali, ove necessario, verranno date indicazioni per intraprendere un eventuale percorso.

Ma a quali problemi può portare l’uso di alcol e di internet?
L’uso di bevande alcoliche, ad esempio, rappresenta la prima causa di morte tra giovani tra i 15 ed i 24 anni in Europa e può condurre a problematiche rilevanti per la salute, le relazioni affettive e le attività lavorative o scolastiche. Oltre a ciò, si accompagna spesso ad altri comportamenti a rischio, come ad esempio l’uso di altre droghe, l’alta velocità negli incidenti stradali, l’aggressività ed i comportamenti violenti e, recenti ricerche, mostrano la sua associazione anche con i problemi correalti all’uso di Internet e del Gaming (videogiochi).

L’utilizzo di internet, dei videogiochi e dei social network (Instagram, Facebook, Twitter ecc…), ormai sempre disponibili, ha modificato profondamente il nostro modo di socializzare, lavorare e passare il tempo durante la giornata, velocizzando o agevolando in alcuni casi lo svolgimento di determinati compiti, annullando le distanze e dando una possibilità costante di accesso alle informazioni.

Attraverso la rete, però, possono passare comportamenti devianti e dannosi, come il cyberbullismo, una forma di bullismo condotto attraverso strumenti telematici, ed il sexting, ovvero lo scambio di testi o immagini sessualmente espliciti tramite Internet o telefono cellulare. Perfino l’ormai sempre più tristemente noto fenomeno degli Hikikomori, ovvero adolescenti e giovani adulti che si ritirano fra le mura domestiche, annullando la loro vita sociale, risulta spesso essere legato all’uso di internet e dei videogiochi.

Neanche gli adulti sono estranei a tali tipologie di uso di questi strumenti: oltre allo sviluppo di uno stretto legame con gli strumenti elettronici (quando la rete assorbe più tempo di quanto desiderato o opportuno, fino a causare problematiche psicologiche, lavorative e sociali), esiste anche il fenomeno definito nomofobia, quando esiste una vera e propria paura di non essere connessi o raggiungibili.

Per avere informazioni più approfondite, è possibile rivolgersi allo sportello Drink&Game attraverso il numero 370.3737004.


Iscriviti alla Newsletter